Lo scorso 23 dicembre, dopo 33 anni dalla presentazione del progetto, la variante di valico sull’autostrada A1 da Bologna a Firenze ha finalmente visto transitare le prime auto. La lunga storia che si è creata intorno a quest’opera vede come protagoniste tante piccole e medie eccellenze italiane.

La selezione delle imprese locali per completare l’opera
Tra queste, spunta anche il nostro nome: nella fase finale del lavoro, Autostrade ha ricercato una serie di aziende specializzate per completare e perfezionare la grande opera che congiunge il capoluogo Emiliano-Romagnolo con quello Toscano. Bloomfield è stata chiamata ad illuminare la galleria Sparvo, una delle più lunghe dell’intero progetto, scavata e realizzata con la celebre TBM (Tunnel Boring Machine), un’imponente macchinario avvistato più di una volta nel tratto dell’appennino emiliano.

Una sfida contro il tempo